Der smarteste Weg, um Ihre Besucher zu führen

eine innovative Multimedia-App für Besucher von Museen, Galerien, Städten, Sehenswürdigkeiten, Parks und anderen Orten an, die die Möglichkeit bietet dessen kulturellen und künstlerischen Inhalte auf eine neue, dynamische und interaktive Art mit dem eigenen smartphone oder tablet zu erfahren.
Download App Mehr erfahren

iphone

All articles:
Tutti potranno collaborare al lavoro di ricerca svolto presso il Museo Egizio di Torino, grazie alla collaborazione con il progetto Micropasts.
Grazie ad esso chi lo desidera potrà esaminare ed elaborare progetti 3D e dare una mano alla ricerca.
Il Museo Egizio di Torino inaugura un nuovo modo di fare ricerca che abbraccia il crowdsourcing, aprendosi alla collaborazione con i cittadini del mondo. In collaborazione con l'Institute of Archaeology dell'University College London (UCL), sarà il primo museo italiano a contare sulla Public Archaeology, una disciplina che vuole "ampliare e diversificare il coinvolgimento diretto dei cittadini in attività di ricerca e produzione di dati archeologici", come spiega il comunicato stampa.
"L'Archeologia Pubblica cerca di comprendere come la ricerca archeologica e i risultati da essa conseguiti siano trasferiti (o meno) nel nostro vivere contemporaneo, studiandone le implicazioni etiche, sociali, economiche (nello sviluppo dell'industria creativa) e politiche (nella creazione di identità nazionali)".
In che modo il Museo Egizio di Torino perseguirà tale obiettivo?
Si farà ricorso al crowdsourcing per trovare cittadini interessati e disposti a prendere parte alle ricerche, tramite la piattaforma Micropasts - un progetto congiunto di UCL e British Museum.
Micropast ha già oltre 2000 utenti che "hanno contribuito alla realizzazione di photo masking per modelli 3D, trascrizione e digitalizzazione di documenti, creazione di open data archeologici di vario tipo". Utenti appassionati che da domani potranno lavorare anche su oggetti appartenenti al Museo Egizio di Torino.
"I modelli 3D ottenuti con questa metodologia - spiega Paolo Del Vesco, egittologo del Museo Egizio e responsabile del progetto - offrono differenti utilizzi sia a livello scientifico che didattico e la disponibilità di una stampante 3D offre a chiunque la possibilità di ottenere una riproduzione fedele all'originale. […] Grazie all'aiuto di chiunque voglia partecipare al progetto sarà possibile offrire a tutti un nuovo modo di fruire dei reperti del Museo Egizio".
La novità rappresenta una sperimentazione importante per tutta la ricerca italiana. Nel nostro Paese "si è iniziato a parlare di Archeologia Pubblica per la prima volta solo nel 2009", sebbene i primi vagiti di questo approccio risalgono agli anni '70.
"Credo fortemente nella ricerca partecipata come forma di tutela", dichiara Christian Greco, direttore del Museo Egizio, "la condivisione del patrimonio culturale fa sentire il pubblico più vicino e propenso a recepirne il valore. L'Archeologia Pubblica può sensibilizzare il pubblico sul valore delle collezioni e della ricerca che si fa nel museo, per ricostruirne la storia".

4 Antworten

  1. Nette Webpage. Vielen Dank.
  2. Klasse gemachte Website, das Layout gefaellt mir echt gut! War bestimmt ne menge Arbeit.
  3. Gia
    Super Seite, ich komme sicher mal wieder vorbei.
  4. Hi this is somewhat of off topic but I was wanting to know if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML. I'm starting a blog soon but have no coding expertise so I wanted to get advice from someone with experience. Any help would be greatly appreciated!

Einen Kommentar schreiben